3 gennaio 2013

Rivisitazione dei 10 sacri comandamenti consegnati a Mosè


I 10 Comandamenti


I - Io sono il Signore Dio tuo, e non sono il tuo pastore, perché tu non sei una pecora.

II - Non nominarmi invano, ma se proprio non puoi farne a meno spero che sia per una buona ragione.

III - Ricordati di pontificare le feste.

IV - Prima di onorare il padre e la madre, onora la meritocrazia e il cervello che ti hanno dato riflettendo bene sulla loro condotta.

V - Non uccidere, idiota, e cerca di non far cazzate in generale. Più che un comandamento, è un consiglio.

VI - Commetti atti impuri. Giovano allo stress e alla prostata, e ti aiutano a rispettare il V comandamento.

VII - Non rubare, per favore. Almeno tu.

VIII - Non mentire, ma se proprio devi farlo almeno inventa una balla credibile.

IX - Più che non desiderare la donna d’altri, cerca di non desiderare una donna al punto da rovinare la vita a entrambi. Se proprio non ci riesci, chiuditi in bagno e segui il VI comandamento.

X - Desidera pure la roba d’altri, ma non essere così stupido da infrangere il VII comandamento o da indebitarti per comprarla.

XI - Ama il prossimo tuo come te stesso, ovvero tratta gli altri come vorresti essere trattato tu, ovvero agisci come se il resto dell'umanità fosse un fine e non un mezzo, ovvero non fare lo stronzo. Questo è un comandamento.

http://ilmioamicodio.blogspot.it/search/label/10%20comandamenti

Posta un commento