12 agosto 2014

TRIANGOLO SESSUALE TRA GLI SCAVI DI POMPEI ,FERMATI UN UOMO E DUE DONNE

POMPEI - Triangolo sessuale tra le antiche vestigia: denunciati tre
giovani. Hanno violato l'antica città per fare sesso a tre come i romani
del 79 dopo Cristo.
Il sogno erotico del triangolo sessuale nella suggestiva Pompei a luci
rosse - atto molto in voga nella città romana - fantasticato dai tre
giovani, (un francese e due italiane di età compresa tra i 23 e i 27
anni), è però sfumato quando i custodi degli scavi li hanno bloccati ai
preliminari.

I tre hanno scavalcato il cancello d'ingresso di Piazza Esedra, nel
cuore della notte, per raggiungere il luogo più erotico dell'area
archeologica: le "Terme Suburbane". Le pareti degli ambienti termali
sono tappezzate di immagini erotiche, (che qualche studioso
contemporaneo ha addirittura definito oscene), che non lasciano nulla
alla fantasia. I 6 affreschi, posti nell'apodyterium (spogliatoio),
secondo gli esperti sono un vero e proprio "catalogo erotico"
dell'epoca, raffigurante le "prestazioni" offerte dalle prostitute di
duemila anni fa ai ricchi commercianti che si recavano a Pompei per
concludere gli affari importanti. Ebbene è proprio lì che i giovani
volevano cedere ai piaceri carnali.

I tre sono stati presi in consegna dagli agenti del commissariato
pompeiano, agli ordini del vicequestore aggiunto Maria Rosaria Romano,
che li hanno denunciati per violazione di proprietà.
I ragazzi, ai custodi che li hanno "interrotti", hanno manifestato il
loro rammarico non per le conseguenze giudiziarie conseguenti al reato
che hanno commesso, bensì per non aver potuto dare seguito alle loro
fantasie erotiche. "Ci riproveremo", hanno, però, detto i giovani.
Posta un commento