28 aprile 2015

Ho conosciuto il silenzio delle stelle e del mare,e il silenzio della città quando si placa,e il silenzio di un uomo e di una vergine,e il silenzio con cui soltanto la musica trova linguaggio,il silenzio dei boschi,prima che sorga il vento di primavera,e il silenzio dei malati quando girano gli occhi per la stanza,e chiedo: Per le cose profonde a che serve il linguaggio?

Posta un commento