5 marzo 2013

Ruba lo sperma al suo ex E lui va a denunciarla

Diventare papà senza saperlo? Negli Stati Uniti d'America si può. È il
miracolo della banca del seme. O forse quello dell'incoscienza di una
donna ferita per la fine di una relazione. È successo in Louisiana. Un
uomo che si è ritrovato genitore di un bel maschietto senza saperlo.
Toby Devall ha avuto un figlio, usando lo sperma di Layne Hardin, il suo
ex compagno, senza il suo consenso.

Il piccolo adesso ha due anni, non ha mai visto il suo papà e
quest'ultimo non ha mai visto lui. Anzi forse, non l'ha mai voluto. Dopo
aver rotto la relazione con Hardin, la Devall ha ben pensato di andare
nella clinica in cui lui aveva lasciato il seme durante una precedente
relazione e di farsi «inseminare». Il tutto senza che il diretto
interessato sapesse nulla. Infatti, né la clinica né lei hanno chiesto
l'autorizzazione all'uomo. La donna ha avuto a disposizione il tempo
della gravidanza per decidere di comunicare all'ex compagno la decisione
presa in maniera totalmente arbitraria. Ma no, perché dirglielo?

I classici nove mesi sono scivolati via nel silenzio e neppure
successivamente (di mesi ne sono trascorsi altri 24), la Devall ha mai
pensato di dare la lieta novella al suo ex compagno che, una volta
scoperto di essere diventato padre, ha querelato lei e l'ospedale privato.

Ciò che preoccupa maggiormente Hardin non è tanto l'idea di aver dato
seguito alla prole, seppur involontariamente, ciò che attanaglia i
pensieri dell'uomo negli ultimi giorni è cosa potrà succedere in futuro
quando il bambino sarà grande. Infatti, lei potrebbe chiedergli il
mantenimento, per vendicarsi. Che la Devall sia pronta ai colpi di testa
è ormai cosa risaputa. Ma la strumentalizzazione di un bambino per
legarsi a un uomo prescinde dalla possessione e ossessione amorosa. O
almeno dovrebbe prescindere. Per ora né la Devall né la clinica hanno
rilasciato dichiarazioni in merito alla vicenda. Solo l'uomo imbufalito
ha deciso di parlare e di sporgere denuncia. Adesso sarà il tribunale a
decidere.

Depositare il proprio seme nelle cliniche americane rientra nella
normalità. C'è chi sostiene sia una gran cosa poichè aiuta a combattere
l'infertilità - causa della mancata felicità di non poche coppie - chi
invece ne contesta ogni genere d'utilità. Non siamo qui a sentenziare.
L'unica cosa che ci chiediamo è: ma davvero si possono correre questi
rischi? La banca del seme in teoria non dovrebbe permettersi questo
genere di qui pro quo. Sempre se così possano essere definiti. Di mezzo
infatti c'è la vita di un bambino, che non è proprio un semplice
inconveniente.
Posta un commento