30 gennaio 2013

Veleno in vagina per uccide il marito litigioso

A Rio Preto, in Brasile, pare che le mogli dopo animate discussioni non
scherzino affatto e siano piuttosto vendicative. Un uomo di 43 anni,
infatti, ha denunciato sua moglie dopo che lei ha tentato di
assassinarlo mettendosi del veleno nella vagina e obbligandolo ad avere
un rapporto orale con lei. I due poco prima avevano litigato
pesantemente; e il cambiamento d'umore repentino di lei, ha fatto salire
i sospetti al marito che prima di praticare sesso orale (che ricordiamo
dicono provochi il cancro alla gola) ha avvertito un forte odore intorno
all'organo sessuale della moglie, ma non l'ha scampata perché ha
comunque inalato i fumi del veleno, sentendosi male quasi subito.
L'uomo, successivamente, si è recato in ospedale per capire che cosa
fosse successo e le analisi del sangue hanno svelato che erano presenti
sostanze tossiche nel suo organismo. L'uomo se l'è cavata con una
lavanda gastrica, mentre la moglie è scappata senza lasciare traccia. La
donna, adesso, è ricercata per tentato omicidio e in attesa di processo.
Occhio uomini (e donne) che il sesso dopo la lite non sempre è riparatore…
Posta un commento