6 gennaio 2013

Uscivano dall'Ipercoop col carrello pieno ma senza pagare: nei guai guardia infedele


Faceva passare i suoi complici, con il carrello della spesa pieno, attraverso l’"uscita senza acquisti" dell’ipermercato. Ma la guardia giurata "infedele" è stata scoperta da un'altra guardia giurata, ed è stata arrestata. Tutto è avvenuto all'Ipercoop del Centro Piave di Calvecchia. 

Secondo indiscrezioni - visto che sulle indagini in corso vige ancora il più stretto riserbo -, l'uomo agiva non da solo, ma attraverso uno o più complici che entravano all’Ipercoop come dei normali clienti. E questi ultimi, dopo aver riempito il carrello, si avvicinavano al vigilante con la scusa di chiedere informazioni o di scambiare quattro chiacchere. Tra una parola e l'altra, una risata e una botta amichevole sulla spalla, finti clienti e guardia giurata si avvicinavano all'uscita (quella utilizzata da chi non ha la spesa da pagare) e, come sulla fosse, il clienti se ne andavano. Un'azione così naturale che inizialmente era passata inosservata. Finché i colleghi, che con grande professionalità e impegno lavorano quotidianamente al supermercato, si sono accorti che qualcosa non andava. Hanno tenuto d'occhio il collega, pare poi cogliendolo in flagranza. Ed è toccato proprio ad un vigilante bloccarlo, permettendo successivamente il suo arresto.

Un'azione che il collega non si sarebbe mai aspettato di dovere compiere, ma che andava fatto, nel rispetto della propria professionalità e di quella sorta di "giuramento" fatto quando ha assunto questo incarico, che è di garantire sicurezza e legalità nel posto in cui si trova ad operare. Ora sono in corso le indagini per accertare il reato, anche con l'ausilio delle videocamere di sorveglianza, e individuare i complici della guardia giurata. A far luce sulla vicenda saranno i carabinieri della locale Compagnia, ma anche l'agenzia, con sede a Marghera, che da una decina d'anni ha in gestione la sorveglianza dell'Ipercoop. La guardia giurata "infedele" è una persona che ora abita in provincia, anche se è originaria di una vicina regione. L'azione è comunque una dimostrazione di professionalità dell'agenzia di vigilanza privata.
Posta un commento